La papessa Giovanna

 I documenti ufficiali del Vaticano dichiarano che tutti i 266 papi cattolici siano stati uomini. Ma secondo una leggenda medievale questo non è del tutto vero: si narra infatti di una certa Papessa Giovanna. Come raccontato nel mito, la Papessa era una giovane donna che travestitasi da uomo, riuscì a ricevere un’istruzione religiosa, e successivamente a scalare la gerarchia ecclesiastica e farsi incoronare Papa con il nome di Giovanni VIII. Era l’anno 855. La donna rimarrà al potere per più di 25 mesi, fino all’858, regnando tra i pontificati di Leone IV e Benedetto III. Durante il suo papato il suo sesso rimase un segreto, ben nascosto sotto le vesti sacre, fino all’858: nel mezzo di una processione papale, ella cadde da cavallo in preda alle doglie, per poi dare alla luce un figlio davanti al popolo, colto alla sprovvista. Da questo punto in poi il mito si dirama in due conclusioni: alcune fonti sostengono che Giovanna morì di parto, altre invece narrano che venne appesa ad un cavallo e trascinata, per poi essere lapidata. La Papessa viene nominata per la prima volta nel tredicesimo secolo, nelle cronache di due frati domenicani: Jean de Mailly e Stefano di Borbone. Il secolo successivo, ella viene raccontata da Giovanni Boccaccio nel suo ‘De mulieribus claris’, e da allora è stata largamente accettata come parte della storia cattolica. Infatti, la sua esistenza venne definita autentica durante il Concilio di Costanza del 1415. Nonostante la popolarità di cui godette nel Medioevo, molti storici contemporanei ritengono che la storia non sia altro che una leggenda, nata come critica contro la corruzione del sistema ecclesiastico. In tempi recenti però, il ricercatore Michael E. Habicht ha fatto una scoperta interessante: egli ha rinvenuto alcune monete d’argento da una serie di sepolcri papali. Queste monete portano l’effige dei Franchi, allora regnanti, da un lato, e dall’altro l’effige di Papa Giovanni VIII. Messe a confronto con altre monete attribuite a Giovanni VIII, queste nuove presentano un monogramma leggermente differente: questo potrebbe  dimostrare l’esistenza di un pontificato riferito a Giovanni VIII ma diverso da quello noto, come una forma di damnatio memoriae. Qualunque sia la verità, l’esistenza di una Papessa non sarebbe che l’ennesimo segreto della storia della religione cattolica, destinato a rimanere tale.

Effige della Papessa Giovanna e dei Franchi su moneta