Teoria del paleocontatto

La teoria del paleocontatto, nota anche come teoria degli antichi astronauti, sostiene che avvenne un contatto fra popolazioni extraterrestri e antiche civiltà terrestri quali Egizi, Maya, Aztechi, Sumeri, Ebrei etc. La scienza ufficiale rinnega questa teoria, che tuttavia è studiata dagli ufologi, specialmente nella branca della clipeologia, cioè la parte dell’ufologia che studia i possibili contatti che avvennero nel passato con gli ufo. La teoria ebbe origine negli anni ’60 del XX secolo, quando un matematico russo pubblicò un articolo dove sosteneva questa teoria. Tuttavia è negli anni ’70 che la teoria prende piede, con la pubblicazioni di numerosi libri tra cui ricordiamo quelli di Erich von Däniken e Zacharia Sitchin. Nel 1975 si tenne il primo congresso della Ancient Astronaut Society a Chicago. Al giorno d’oggi ci sono diverse idee sul paleocontatto: alcuni sostengono che l’uomo sia stato creato dagli esseri extraterrestri (che da ora in poi chiameremo ET) che vennero sulla Terra, usando quest’ultima come laboratorio, questo potrebbe anche giustificare i rapimenti alieni di cui si sente parlare; l’altra tesi sostiene che la specie umana esisteva già da tempo sulla Terra ma gli ET che vennero in contatto con questa l’aiutarono a svilupparsi in tempi rampidissimi. Quest’ultima tesi è ovviamente meno distaccata da quello che ritiene la scienza ufficiale perché non va in collisione con la teoria evolutiva di Charles Darwin. Alcuni indizi sul paleocontatto si trovano nei disegni rupestri, nei geroglifici egizi, come nelle conoscenze Maya e nei testi sacri come la Bibbia. Già, proprio la Bibbia, il testo che sembra essere perfettamente in regola con la cultura cristiana, potrebbe parlare di extraterrestri. Addirittura ci sono testi sacri induisti che parlano chiaramente di scontri fra oggetti volanti comandati dagli dei. Anche le piramidi, sopratutto quelle di Giza destano un grande sospetto, come le linee di Nazca in Perù e tantissime altre cose di cui parleremo in seguito.

Geroglifici
Tag: